Arisa - ‘’Voce The Best of’’


Arisa ha appena pubblicato la sua prima antologia, ''Voce The Best of'', una raccolta di brani che le hanno regalato la visibilità e alcuni inediti. Il disco è l'occasione per gustarne con attenzione la vocalità piena, pulita, raffinata che la contraddistingue, attraverso diciannove pezzi intensi e femminili. E quest'album si inserisce in un periodo di visibilità altissimo per la cantante, da alcuni mesi giudice ad X Factor 10.
Il best of di Rosalba Pippa, in arte Arisa, si apre con un duetto, quello con Tricarico, dal titolo 'Una cantante di musica leggera', brano su un amore splendido e musicalmente intenso, un po' come il senso del testo, dalle tinte pop anni '80 (L'amore è come trovarsi dentro una canzone'')
La seconda traccia è 'Abbi cura di te', dedicata all'amore perso, alla tristezza e alla difficoltà di amare sé stesse che fa soffrire tante donne; si passa poi alla famosissima ' Sincerità', che la portò a vincere Sanremo nel 2009, con la dolcezza e l'ingenuità di un amore raccontato con leggerezza nonostante la sua debolezza intrinseca. Passiamo alla maturità portata sul palco di Sanremo 2012 con il brano seguente,  'La notte', dal testo e dalla musicalità struggente, seria, tuonante e bellissima. La notte è quel momento in cui ci si sente completamente soli, se non si ha più accanto chi si ha amato con tutto il cuore.
'Quante parole che non dici' è un brano del 2014, dedicato al cambiamento e alle riflessioni che accompagnano la crescita e la voglia di comprendere e di urlare quello che si tiene dentro, reprimendo sé stessi e la propria libertà; incontriamo un'altra canzone vincitrice del Festival della Musica Italiana di Sanremo, quella che fece da protagonista nel 2014, 'Controvento'. Tratto dall'ultimo album ''Guardando il cielo'', 'Una notte ancora' è un pezzo pop determinato e sensuale ('Che questo sentimento possa diventare amore') che racconta un romantico gioco di ruoli; tocca ora ad un featuring, questa volta con i Club Dogo, per 'Fragili'. La traccia numero 9 è 'Ci sei e se non ci sei', tratta da ''Amami''. Passando per  'Guardando il cielo' arriviamo a 'La cosa più importante', ovvero quell'amore che va protetto e rispettato. E' la leggerezza ad avere il suo spazio con 'Io sono' e 'Malamoreno''. Una dolcezza illuminante ci abbraccia in 'Poi pero'', e in 'Meraviglioso amore mio'; 'Il tempo che verrà'  viene anch'essa dal disco la cui traccia successiva è omonima, ovvero 'Amami'. 'L'amore è un'altra cosa' fa soffrire, lacera, ammalia ed è affascinante come le tonalità toccate dalla meravigliosa Arisa.
Chiude il disco una diciannovesima traccia, 'Pace', giocosa e ridente, come una storia raccontata con il sorriso, lo stesso che ci regala Arisa ogni volta che l'abbiamo incontrata sul palco durante la carriera raccontata in ''Voce the best of'' .

arisa, Recensione, voce the best of

Articoli correlati

Recensioni

“american epic – the sessions” vol...

19/06/2017 | leslie-fadlon

Venerdì 9 giugno 2017 la columbia records ha pubblicato “american epic: the sessions”, una raccolta contenente la colonna sonora del documentario diretto da be...

Recensioni

''hugolini'' di hugolini

15/06/2017 | valeriasurace

Il 12 maggio 2017 e' uscito ''hugolini'', il primo disco da solista di lorenzo ugolini, prodotto da enrico greppi dei bandabardo'. Il cantautore, oltre a essere molto att...

Recensioni

Andrea laszlo de simone - "uomo donna"

12/06/2017 | leslie-fadlon

il 9 giugno 2017 è stato pubblicato per 42 records il primo disco di andrea laszlo de simone, con il titolo “uomo donna”. Quello che stiamo recensendo &egra...

2445150 foto scattate

15210073 messaggi scambiati

706 utenti online

1124 visitatori online